Calendario

Login

Il Gatto con gli Stivali è un esempio di teatro pretestuoso. Già, perché l’unica ragione per la quale lo spettacolo va in scena è data dal desiderio di un gruppo di attori di rappresentare sul palcoscenico una storia. Una qualsiasi. L’importante è avere un pubblico, possibilmente molto, molto giovane, e voglia di recitare.

Gli attori arrivano al palcoscenico attraversando la platea. Sono stanchi; hanno girato tutto il giorno alla ricerca di un pubblico di fronte al quale recitare, mettere in mostra la loro voglia di raccontare. Una volta trovato il pubblico, gli attori si interrogano sul testo da rappresentare, discussione che viene chiusa da un attore che sbuca dall’interno di un baule, uno degli oggetti di scena fin lì trasportati dalla compagnia di aspiranti teatranti e che poi serviranno da elementi scenografici per la messa in scena dello spettacolo. L’attore ha con sé un libro di fiabe; lo apre a caso e la sorte vuole che le pagine che gli si presentano davanti siano proprio quelle che narrano la storia dell’astuto felino.

Sul palcoscenico il pubblico potrà così veder rappresentate le astuzie di un gatto, unico bene lasciato in eredità da un mugnaio al minore dei suoi tre figli, che riuscirà, attraverso una serie di machiavelliche trovate, a far sposare il poveruomo ad una bellissima principessa, facendo credere a suo padre il re e a sua madre la regina che il suo padrone non è un misero mugnaio, bensì un ricchissimo marchese: il Marchese di Carabà.

Spettacolo della durata di circa quaranta minuti, Il Gatto con gli Stivali nella versione da noi proposta è uno spettacolo adatto ad un pubblico di bambini dai cinque ai novantanove anni (come il Monopoli), ed è di semplice realizzazione: la scenografia è composta da bauli, valigie e scatole di varie dimensioni che, a seconda di come verranno disposte, costituiranno di volta in volta l’arredamento di scena (la sala del trono, la carrozza del re, il castello dell’orco). Tale soluzione, oltre ad avere un particolare impatto sul pubblico, risulta utile in quanto all’interno delle scatole e dei bauli si potranno nascondere sia costumi sia la varia oggettistica di cui gli attori avranno bisogno.